Descrizione del contenuto (TIFF MULTIPAGINA)


IBM in Europa
Bologna: pranzi, certificati,vaccin

Il documento è composto da più pagine:

Gradimento: stella vuotastella vuotastella vuotastella vuotastella vuota (0 voti)   

Per scaricare questo contenuto devi fare login o registrarti

Commenti: Non è presente alcun commento

Effettua il login per inserire un nuovo commento

Titolo: IBM in Europa

Dimensione file: 8,9 MB (2395x3318 pixel TIFF MULTIPAGINA)

Tipo di pubblicità: pagina di rivista o giornale

Fonte pubblicazione: Panorama

Data della fonte: 1977-10-25

Linguaggio: it (Italian)

Caricato da: Viola il 22-08-2014

Testo originale: IBM in Europa
Bologna: pranzi, certificati,vaccinazioni
A Bologna trentamila bambini frequentano le scuole materne. E a scuola fanno colazione, pranzano e consumano la merenda insieme. L'Amministrazione Comunale del capoluogo emiliano assicura agli scolari cibi sempre freschi e bilanciati dal punto di vista dietetico servendosi di metodi di gestione assai moderni. Il Comune di Bologna, infatti, primo in Italia, installò un elaboratore IBM fin dal 1968 per applicazioni anagrafiche avanzate.
Da allora le applicazioni di natura sociale sono state sviluppate e migliorate per fornire servizi sempre più efficienti. Nel campo anagrafico, per esempio, ciascuno dei 18 uffici anagrafici decentrati realizza, per mezzo di un terminale, il servizio di certificazione automatica, che consente ai cittadini di ottenere documenti senza il disagio di lunghe code e di recarsi in centro.
Nel campo sanitario, gli adempimenti riguardanti le vaccinazioni sono svolti con tempestività e precisione. Ai genitori di ogni neonato viene inviato, tramite un'assistente sociale, il libretto - stampato dal calcolatore - con il piano di vaccinazioni fino al 14° anno di età. Ogni giorno per mezzo del calcolatore vengono registrate le vaccinazioni effettuate (in media, un migliaio) e periodicamente viene controllato il rispetto delle scadenze previste per ogni fascia di età.
Le persone anziane che vivono sole possono essere visitate e aiutate da assistenti sociali che si avvalgono degli elenchi appositamente compilati dal calcolatore. In modo analogo vengono seguiti i movimenti della popolazione da una zona all'altra della città ed è quindi possibile conoscere in anticipo esigenze future, per esempio, il fabbisogno di aule scolastiche.
Il Comune di Bologna si serve del calcolatore - un Sistema/ 370 Modello 145 - anche per la gestione dei prodotti destinati alle farmacie comunali e agli ospedali, per la contabilità relativa ai suoi dipendenti e per vari altri compiti inerenti l'amministrazione di una città che conta 500.000 abitanti.

L'elaboratore rende più funzionale il porto di Anversa
Anversa è uno dei porti più attivi d'Europa. Così, quando il municipio della città acquistò un elaboratore IBM fu naturale che l'attività portuale venisse gestita dalla nuova macchina.
Ora, l'elaboratore svolge tutto il lavoro amministrativo del porto che comprende, tra l'altro, il controllo di 18 magazzini contenenti attrezzature e ricambi essenziali per l'attività del porto stesso.
Provvede alla fatturazione dei vari servizi portuali: rimorchiatori, gru, affitto dei magazzini. Controlla il traffico navale in entrata e in uscita per razionalizzare le operazioni di ormeggio e di movimentazione delle merci.
Ma anche sulla terraferma l'elaboratore è di grande aiuto per la città. Paga gli stipendi, le tasse, le pensioni dei 12.500 dipendenti comunali e di altre 8.000 persone e compila il censimento annuale di Anversa. Registra i cambiamenti di indirizzo dei cittadini e traccia un quadro della situazione abitativa. Svolge tutto il lavoro contabile dell'amministrazione comunale. Provvede alle chiamate per gli esami clinici periodici. Infine, in tempo di elezioni, prepara i certificati elettorali e organizza tutto il relativo lavoro amministrativo, che prima impegnava in modo pressante il personale del comune.

Acqua di prima qualità per il Lussemburgo
In Lussemburgo una rete idrica controllata da un elaboratore si è rivelata preziosa durante la
siccità dell'estate 1976.
La rete ha utilizzato l'acqua della diga di Esch-sur-Sure invece delle falde sotterranee, fornendo 82.000 metri cubi al giorno necessari per far fronte alle richieste che non potevano venire soddisfatte dai pozzi.
L'elaboratore IBM controlla l'invio dell'acqua dalla diga alle stazioni di depurazione, le cinque fasi di quest'operazione, il pompaggio al bacino di riserva e la distribuzione. L'acqua così ottenuta soddisfa più del 50% del fabbisogno giornaliero dell'intero stato. La rete è dotata naturalmente di dispositivi di controllo della qualità e del livello dell'acqua nei serbatoi. Ogni giorno, inoltre, l'elaboratore fornisce i diagrammi relativi ai consumi nelle diverse regioni.
I responsabili dell'ente per le risorse idriche sono ora in grado di soddisfare sempre le richieste provenienti da ogni zona del paese con acqua di prima qualità.

Più tempo per i bimbi dell'asilo
Le maestre d'asilo di Täby, una cittadina nei pressi di Stoccolma, non dovranno più occuparsi di problemi amministrativi e potranno dedicarsi interamente ai bambini.
In Svezia, dove è perfettamente naturale che una donna continui a lavorare dopo avere avuto un figlio, questo è un importante passo avanti.
Il cambiamento è avvenuto dopo che il Consiglio Comunale di Täby - l'asilo è municipale - decise di affidare il lavoro amministrativo al locale Centro Servizi IBM. Così ora non sono più le maestre, ma è il Centro IBM che provvede a calcolare le rette, a inviare le comunicazioni alle famiglie, a registrare i pagamenti sulla base di un semplice registro delle presenze inviato mensilmente dall'asilo.
Il cambiamento ha soddisfatto tutti. I genitori perché effettuano i pagamenti per posta e non devono più discutere di soldi con le maestre. Le maestre hanno più tempo da dedicare ai bambini. Le autorità comunali dispongono di dati più completi sull’andamento dell'asilo.

A Grenoble un elaboratore prenota i posti a teatro
Ogni mese presso il Centro Culturale di Grenoble vengono messi in prenotazione i posti per 20-40 spettacoli diversi in tre teatri in grado di accogliere da 300 a 1.250 persone. Sono cifre che preoccuperebbero qualsiasi responsabile di botteghino. Eppure la hostess del Centro di Grenoble non si lascia impressionare: sa di poter contare sull'aiuto di un piccolo, compatto elaboratore IBM.
L'elaboratore è stato installato per accelerare la vendita dei biglietti e per facilitare il lavoro amministrativo.
Quando una persona si presenta a prenotare un posto, la hostess batte la richiesta sulla tastiera. Sullo schermo appaiono titolo dello spettacolo, data, ora, prezzo del biglietto, disponibilità dei posti. Se ci sono posti l'elaboratore stampa i biglietti, completi di tutti i dati. Il prezzo totale appare sullo schermo. Tutti questi dati appaiono in pochi secondi. In chiusura di giornata l'elaboratore stampa la situazione contabile che contiene, fra l'altro, l'incasso della giornata e il numero dei posti rimasti liberi in ciascuno dei tre teatri. Al termine della stagione l'elaboratore compila i consuntivi degli incassi.
Questo lavoro amministrativo, che costituiva in precedenza una vera e propria corvée settimanale non certo gradita al personale del Centro Culturale, viene ora compiuto ogni giorno in pochi minuti.
Naturalmente anche il pubblico ne ricava un beneficio: non c'è più pericolo che lo stesso posto venga prenotato due volte e le prenotazioni sono aperte con un mese di anticipo invece di dieci giorni, com'era prima.

La IBM in Italia
L'elaboratore elettronico è uno strumento ormai insostituibile nelle più varie attività economiche e sociali. Fabbricarlo richiede non solo un elevato livello di specializzazione tecnologica, ma anche una struttura aziendale flessibile e moderna, che anticipa il domani.
Anche in anni difficili come quelli che attraversiamo la IBM Italia non ha mai cessato di investire per il proprio sviluppo futuro. Nel 1977, per esempio, 850 nuovi assunti entrano a far parte della Società, e la maggior parte di essi sono giovani al primo impiego.
Alla fine dell'anno scorso, l'età media era 33 anni e, dei novemila dipendenti, il 71% aveva un diploma di scuola media superiore o una laurea. Entro quest'anno, lo stabilimento di Vimercate, dove lavorano duemila persone e vengono prodotti elaboratori elettronici esportati in più di 70 paesi, disporrà di un nuovo edificio di oltre 11 mila metri quadrati. Un altro fabbricato di uguale superficie, destinato ad ospitare linee di produzione e nuovi uffici, è previsto entro il 1978.
Una nuova moderna sede centrale, capace di ospitare duemila persone è stata inaugurata a Segrate, nelle immediate vicinanze di Milano (nella foto).
Sviluppando occupazione, investimenti e produzione, la IBM Italia crea solide basi per il futuro proprio e dei propri utenti e contribuisce allo sforzo di realizzazione economica in atto nel nostro Paese.

A Berna i guidatori ottengono ora più in fretta patenti e libretti di circolazione
Nel Cantone di Berna, Svizzera, circolano circa 350.000 veicoli, di tutti i tipi e categorie, ed esistono 300.000 patenti di guida. Per ridurre i costi di amministrazione e contemporaneamente sveltire le pratiche burocratiche inerenti il rilascio di documenti, l'Ufficio Automobilistico Cantonale utilizza da qualche tempo un elaboratore IBM.
Ecco come l'elaboratore aiuta a semplificare le procedure: quando, per esempio, deve essere rilasciata una nuova patente di guida, tutti i dati che il documento dovrà contenere vengono inviati all'elaboratore tramite un terminale. La patente viene stampata all'istante dal sistema elettronico ed è quindi subito disponibile. La stessa rapida procedura viene usata per rinnovi e duplicati.
Mensilmente, vengono sbrigate circa 20.000 pratiche di questo tipo. L'elaboratore viene anche impiegato per registrare fino a 150.000 passaggi di proprietà all'anno. In sostanza, quello che era un lungo processo burocratico è stato considerevolmente semplificato e accelerato.
Lo stesso vale, naturalmente, per i tempi di attesa negli uffici cantonali che sono ora anche in grado di pianificare meglio il lavoro amministrativo. L'elaboratore viene anche impiegato nella compilazione di dati statistici sulla motorizzazione e sulle operazioni di riscossione delle tasse di circolazione. Là dove la preparazione di 350.000 bolli di circolazione richiedeva almeno 6 settimane di lavoro manuale, ora occorrono solo pochi giorni.

La IBM in Europa: 90.000 europei
La IBM conta oggi in Europa oltre 90.000 dipendenti. In ogni paese, ciascuno di essi — tecnico, operaio, impiegato o dirigente — gode dello stesso piano di previdenze aziendali. Non c'è mai stata nessuna riduzione di personale a causa di recessioni economiche. Il personale segue di frequente corsi di riaddestramento affinché ogni dipendente sia in grado di affrontare la continua evoluzione dell'informatica. All'addestramento, infatti, la IBM dedica da sempre una rilevante parte delle proprie risorse. Anche i clienti, partecipando a corsi appositamente studiati, sono messi in grado di utilizzare al meglio i propri elaboratori.
Più di 100.000 persone hanno preso parte, nel 1976, a corsi organizzati dalla IBM in Europa, per venire incontro alle aspirazioni individuali e creare specializzazioni adeguate al rapido evolversi della tecnologia nell'industria elettronica.

Tag: ibm ibm 370